Badante in nero occupa l’immobile dopo la morte dell’assistito. Quali i rimedi per gli eredi?

Dopo aver lavorato per anni in modo irregolare come badante, alla morte dell’assistito, la dipendente, letteralmente, si barrica in casa e fa vertenza agli eredi per il lavoro prestato in nero.
La badante è legittimata a occupare l’immobile? Se lo abbandona provvisoriamente, gli eredi del defunto possono rientrarne nel possesso a sua insaputa? La causa di lavoro ha qualche riflesso nell’esito dell’eventuale giudizio di sfratto?

Anzitutto, sulla questione che attiene al pagamento in nero della badante: gli eredi hanno ben poco da fare; obbligazioni del genere sono soggette al diritto di successione e, pertanto, si può solo attendere l’esito delle azioni dell’ex dipendente e, eventualmente, conciliare (soluzione più che suggeribile).

Tutt’altra cosa è la questione dell’occupazione. L’occupazione portata avanti dall’ex badante è sine titulo e costituisce, anzitutto, un reato. In particolare, si tratta di violazione dell’art. 633 del codice penale, il quale sanziona colui che invade arbitrariamente terreni o edifici altrui, pubblici o privati, al fine di occuparli o di trarne altrimenti profitto.
In seconda battuta, anche qualora non vi fosse ancora stata una formale accettazione dell’eredità con la relativa successione nella titolarità del diritto di proprietà, varrebbe la pena ragionare sull’esperibilità di un procedimento sommario di convalida di sfratto, oppure – e qui si avrebbe una maggiore possibilità di comprovare in giudizio l’esistenza dei diritti successori – un rito locatizio.

Infine, attenzione a soluzioni apparentemente “scorciatoia”, come cambiare la serratura, approfittando, ad esempio, di un periodo di diversi giorni in cui l’ex lavoratrice si trova fuori città: il nostro ordinamento, infatti, tutela il possesso proprio come se fosse un qualsiasi altro diritto reale e, per questo, sarebbe una soluzione del tutto illegittima che finirebbe per scoprire il fianco a nuove e legittime pretese giuridiche da parte della badante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.