Class action dipendenti di Roma Capitale assunti dopo il 31/12/2000: illegittima la trattenuta del 2,5% in busta paga.

Aperte le adesioni. Entro la fine della primavera il deposito del ricorso. Se siete dipendenti di Roma Capitale assunti dopo il 31 dicembre 2000, vi consigliamo di leggere e condividere questo post.

Lo ha confermato di recente il Giudice del Lavoro di Roma: la trattenuta del 2,5% presente nelle buste paga dei dipendenti capitolini assunti a partire dal 2001 è sempre stata illegittima e non può più essere praticata.

La legge prevedeva che i dipendenti di Roma Capitale assunti dopo il 31 dicembre 2000 fossero soggetti al regime del TFR e non più a quello del TFS che, quindi, avrebbe riguardato solo i dipendenti assunti in precedenza.

Quest’ultimo trattamento previdenziale prevedeva una trattenuta fissa del 2,5% dell’importo in busta paga, da operarsi dal datore a carico del dipendente. A fine rapporto, poi, la c.d. buonuscita del lavoratore avrebbe ricompreso anche tutte le predette somme trattenute dal datore di lavoro.

Nel passaggio dei dipendenti pubblici al trattamento del TFR, si voleva raggiungere un duplice scopo: non trattenere più il 2,5% mensile dalla busta paga del dipendente e non rigirare i predetti importi nell’indennità di buonuscita (cioè il trattamento di fine rapporto). In questo modo i trattamenti dei dipendenti sottoposti ai due diversi regimi, economicamente parlando, sarebbe stato il medesimo.

Al contrario, Roma Capitale ha continuato a operare la trattenuta del 2,5% in busta paga calcolando, tuttavia, la somma da erogarsi a fine rapporto in base agli ordinari criteri del TFR e, quindi, senza restituire quanto trattenuto al dipendente, così creando una situazione di manifesta diseguaglianza fra le due tipologie di lavoratori.

Da ciò, il ricorso di class action che verrà depositato dallo studio entro giugno.

Qualora foste dipendenti capitolini soggetti a queste condizioni (assunzione dopo il 31/12/2000 e decurtazione del 2,5%) potrete aderire alla class action oppure anche solo richiedere informazioni o chirimenti, contattando lo studio attraverso l’apposito format.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.