Cassazione, le tabelle del Tribunale di Milano restano il riferimento per il danno equitativo.

Lo confermano due recenti sentenze della Sez. III della Suprema Corte

La liquidazione del danno parentale dev’essere ottenuta applicando le tabelle redatte dal Tribunale di Milano, che adottano il sistema a punti. È possibile applicare criteri diversi, o tabelle diverse, come quelle redatte dal Tribunale di Roma che restano astrattamente adottabili, ma deve essere data congrua motivazione.

Lo hanno ribadito due recenti sentenze della Cassazione (n. 10579/2021 e n. 11719/2021) in cui veniva in considerazione l’applicazione – non effettuata dal giudice del merito – delle tabelle redatte dal tribunale di Roma. Tabelle che, in ragione dei diversi criteri a cui sono ispirate, per il danno parentale consentono di ottenere una quantificazione superiore. Venivano avanzati, quindi, motivi di censura da parte dei danneggiati, dal momento che i giudici del merito facevano applicazione delle tabelle milanesi, quando invece, applicando le diverse tabelle romane, il risarcimento sarebbe stato maggiore.

La questione, pertanto, era quella di stabilire quale delle tabelle disponibili dovesse essere scelta.

Le tabelle redatte dal tribunale di Milano hanno ora acquistato una sorta di “efficacia para-normativa” ad opera della medesima Suprema Corte. Essendo, quindi, un parametro di conformità della valutazione equitativa del danno non patrimoniale, forniscono una sorta di copertura normativa ai sensi dell’art. 1226 c.c., al punto che l’omessa o erronea loro applicazione può essere fatta valere in sede di legittimità come violazione di legge.

Fermo restando tale loro peso, è comunque consentito discostarvisi, non essendo al cospetto di una fonte normativa in senso stretto. Questo allontanamento è quindi consentito, a condizione che la specificità del caso concreto lo richieda e lo giustifichi, e che nella sentenza ne sia fornita congrua motivazione.

In particolare, la motivazione del discostamento dalle tabelle milanesi dovrà coprire il fatto che il diverso parametro prescelto non seguirà il criterio di quantificazione basato sul sistema c.d. a punti. Infatti, tale è il sistema a cui è informata la tabella in questione, che, secondo la Suprema Corte, con riferimento al danno parentale è il criterio da prediligere perché più corretto. È anche per questa ragione che le tabelle milanesi hanno ottenuto il suddetto riconoscimento para-normativo, in quanto considerano in modo congiunto entrambi le voci del danno biologico e del danno morale, secondo un criterio che garantisce maggiore uniformità e prevedibilità di giudizio a fronte di casi analoghi. La liquidazione del danno parentale senza il riferimento del sistema a punti si espone al rischio di censura di legittimità, laddove sprovvisto di quella congrua motivazione che tenga conto delle sfaccettature del caso concreto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.