Cassazione, corresponsabile il pedone che non attraversa sulle strisce pedonali.

Lo ha affermato la Corte di Cassazione, Sez. IV Penale, con la sentenza n. 23251/2019 pubblicata il 28 maggio 2019, così confermando un trend di pronunce andato consolidandosi negli ultimi anni.

IL FATTO

Il 15/02/2012, intorno alle ore 18, un individuo, alla guida del suo furgoncino, percorreva una strada a doppio senso di circolazione, al momento dell’incidente sufficientemente illuminata e trafficata (a quell’ora). In quegli stessi istanti, un pedone, che impegnava la sede stradale ed attraversava la carreggiata da sinistra verso destra (secondo il senso di marcia della vettura del guidatore), al di fuori delle strisce pedonali, distanti alcuni metri, veniva urtato dalla vettura. Caduto a terra, immediatamente soccorso dal conducente e trasportato all’ospedale, gli venivano diagnosticate lesioni gravi e, ricoverato in rianimazione con prognosi riservata, l’uomo moriva il 06/03/2012.

LA SENTENZA

I giudici della Cassazione evidenziavano come anche il comportamento dei pedoni debba considerarsi soggetto alle comuni regole di diligenza e prudenza nonché alla disposizione dell’art. 190 c.d.s., dettata dal precipuo fine di evitare che i pedoni determino intralcio e, più in generale, situazioni di pericolo per la circolazione stradale, tali da mettere a repentaglio l’incolumità propria o degli altri utenti della strada. La condotta del pedone, sotto questo profilo, considerate l’ora serale e la densità del traffico, si è appalesata come non del tutto prudente e conforme a diligenza.

Per tutte queste ragioni, i Giudici hanno ritenuto il comportamento del deceduto corresponsabile nella causazione dell’evento nella misura di 1/5 per aver effettuato l’attraversamento al di fuori delle strisce pedonali, tenendo conto di ciò anche nella liquidazione del danno in favore delle costituite parti civili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.