Ricorsi per la perequazione delle pensioni: quando lo Stato non rispetta le sentenze.

Era il 6 maggio del 2015 quando veniva pubblicata in Gazzetta Ufficiale la tanto attesa pronuncia numero 70 della Corte Costituzionale sul blocco delle perequazioni: tali si definiscono gli aumenti delle pensioni a seguito dell’inflazione, che consentono ai pensionati di non perdere potere d’acquisto in rapporto a quanto loro erogato dallo Stato. L’Italia, unilateralmente, aveva deciso di bloccare i meccanismi adeguativi per determinate categorie di pensioni e il Supremo Consesso ha ritenuto il blocco incostituzionale, con conseguente dichiarazione di invalidità dello stesso.
Ma lo stato ha reintrodotto il blocco, pressoché identico, con il decreto legge n. 65/2015.

Continua a leggere Ricorsi per la perequazione delle pensioni: quando lo Stato non rispetta le sentenze.

Class Actions dipendenti di Roma Capitale – Recupero delle trattenute illegittime sul TFR.

Si tratta di una trattenuta effettuata illecitamente dall’ente ai lavoratori entrati dopo il 31 dicembre 2000, della quale avevamo già parlato nel nostro articolo del 26 aprile. Le sentenze arrivate da febbraio in poi, con le relative motivazioni riscontrate in questi giorni, confermano le ragioni dei lavoratori e il trend preso dai Giudici romani.

Continua a leggere Class Actions dipendenti di Roma Capitale – Recupero delle trattenute illegittime sul TFR.

Ricorsi Polizia Locale Roma. Il Tribunale del lavoro ha ritenuto sussistere connessione impropria fra l’usura psicofisica e le omesse progressioni economiche orizzontali.

È questa la motivazione dell’assegnazione delle due diverse procedure al medesimo Giudice. Interessante capire quale sia l’elemento connettivo, anche per il prosieguo dell’istruttoria.

Continua a leggere Ricorsi Polizia Locale Roma. Il Tribunale del lavoro ha ritenuto sussistere connessione impropria fra l’usura psicofisica e le omesse progressioni economiche orizzontali.

Class action dipendenti di Roma Capitale assunti dopo il 31/12/2000: illegittima la trattenuta del 2,5% in busta paga.

Aperte le adesioni. Entro la fine della primavera il deposito del ricorso. Se siete dipendenti di Roma Capitale assunti dopo il 31 dicembre 2000, vi consigliamo di leggere e condividere questo post.

Continua a leggere Class action dipendenti di Roma Capitale assunti dopo il 31/12/2000: illegittima la trattenuta del 2,5% in busta paga.

Ricorso dipendenti di Roma: il risarcimento per l’usura psicofisica non è diminuito per l’acquiescenza del lavoratore.

Non conta che il lavoratore abbia accettato senza protestare la calendarizzazione del turno lavorativo oltre il sesto giorno, né tanto meno che sia stato egli stesso a richiederlo: il datore deve comunque impedirgli il lavoro di sette o più giorni di seguito, oppure indennizzarlo/risarcirlo.

Continua a leggere Ricorso dipendenti di Roma: il risarcimento per l’usura psicofisica non è diminuito per l’acquiescenza del lavoratore.

Ricorso dipendenti di Roma per l’indennità da usura psicofisica: retribuzione o risarcimento?

Nell’articolo del 3 marzo 2017 si è dato conto della class action avviata dallo studio per i dipendenti di Roma Capitale che lavorano oltre i sei giorni consecutivi. Agli stessi va pagata un’indennità. Ma tale somma dev’essere pagata in tutti i casi? E per quanti anni indietro prima che il diritto si prescriva?

Continua a leggere Ricorso dipendenti di Roma per l’indennità da usura psicofisica: retribuzione o risarcimento?

Azione collettiva per pagamento dell’indennità da lavoro oltre il sesto giorno consecutivo.

L’art. 36 della Costituzione sembrerebbe non lasciar spazio a dubbi nell’affermare: «Il lavoratore ha diritto al riposo settimanale […] e non può rinunziarvi». Ma in pochi sanno che in certi casi il lavoro oltre il sesto giorno consecutivo è ammesso, purché adeguatamente indennizzato. Di questo si occupa una delle azioni promosse di recente dallo studio.

Continua a leggere Azione collettiva per pagamento dell’indennità da lavoro oltre il sesto giorno consecutivo.