Legge Pinto, spetta un risarcimento se un processo dura più di tre anni in un solo grado di giudizio. E se i gradi sono due?

Lo hanno stabilito tutti i massimi Consessi italiani: il processo che superi il triennio in primo grado è di per sé di durata irragionevole. Ma cosa succede se un processo si chiude definitivamente in due gradi di giudizio?

Continua a leggere Legge Pinto, spetta un risarcimento se un processo dura più di tre anni in un solo grado di giudizio. E se i gradi sono due?

Vittima di reato sessuale? Secondo la Corte Costituzionale si ha diritto al patrocinio a spese dello Stato a prescindere dal reddito.

Arriva con la sentenza n. 1 dell’11 gennaio 2021 l’importante pronuncia della Suprema Corte.

Continua a leggere Vittima di reato sessuale? Secondo la Corte Costituzionale si ha diritto al patrocinio a spese dello Stato a prescindere dal reddito.

Corte Costituzionale, la legge non assicura i mezzi necessari per vivere agli invalidi civili totali.

La legge riconosce la somma di € 285,66 al mese per le persone totalmente inabili al lavoro per effetto di gravi disabilità; la Consulta: “insufficienti”.

€ 285,66 al mese non sono sufficienti a soddisfare i bisogni primari della vita. È perciò violato il diritto al mantenimento che la Costituzione (Art. 38) garantisce agli inabili“.

Tuona così la Corte costituzionale nella camera di consiglio svoltasi il 23 giugno 2020, esaminando una questione di legittimità costituzionale sollevata dalla Corte d’appello di Torino.

Il caso che ha dato origine alla decisione riguarda una persona affetta da tetraplegia spastica neonatale, incapace di svolgere i più elementari atti quotidiani della vita e di comunicare con l’esterno.

La Corte ha ritenuto che un assegno mensile di soli € 285,66 sia manifestamente inadeguato a garantire a persone totalmente inabili al lavoro i “mezzi necessari per vivere” e perciò violi il diritto riconosciuto dall’art. 38 della Costituzione, secondo cui “ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto di mezzi necessari per vivere ha diritto al mantenimento e all’assistenza sociale”.

È stato quindi affermato che il cosiddetto “incremento al milione” (pari a 516,46 euro) da tempo riconosciuto, per vari trattamenti pensionistici, dall’art. 38 della legge n. 448 del 2011, debba essere assicurato agli invalidi civili totali, di cui parla l’art. 12, primo comma, della legge 118 del 1971, senza attendere il raggiungimento del sessantesimo anno di età, attualmente previsto dalla legge. Conseguentemente, questo incremento dovrà d’ora in poi essere erogato a tutti gli invalidi civili totali che abbiano compiuto i 18 anni e che non godano, in particolare, di redditi su base annua pari o superiori a € 6.713,98.

Ergastolo ostativo: che cos’è e che cosa ha stabilito la sentenza della Consulta

É legittima una pena senza fine e senza possibilità di accedere a misure alternative al carcere e ad altri benefici penitenziari?

Continua a leggere Ergastolo ostativo: che cos’è e che cosa ha stabilito la sentenza della Consulta

Corte Costituzonale, valide le cartelle notificate a mezzo raccomandata

Le cartelle esattoriali notificate a mezzo raccomandata sono valide. Con la sentenza n. 175/2018, la Corte Costituzionale fuga gli ultimi dubbi rimasti sulla liceità o meno delle notifiche effettuate da Agenzia delle Entrate-Riscossione (già Equitalia) attraverso il normale servizio postale.

Continua a leggere Corte Costituzonale, valide le cartelle notificate a mezzo raccomandata