Furto d’identità digitale: cos’è, come si verifica e come prevenirlo.

In costante incremento e difficile da prevenire o sanzionare, il furto dell’identità digitale sta diventando l’illecito più rischioso a cui sono esposti gli innumerevoli utenti della rete. Vediamo in cosa consiste, come si realizza e – ove possibile – come prevenirlo.

Continua a leggere Furto d’identità digitale: cos’è, come si verifica e come prevenirlo.

Corte Costituzionale, la notifica a mezzo PEC si perfeziona per il notificante nel giorno dell’accettazione, anche se successiva alle ore 21:00.

Irragionevole – secondo la Corte – equiparare, nelle notifiche telematiche, la posizione del notificante con quella del notificato.

Continua a leggere Corte Costituzionale, la notifica a mezzo PEC si perfeziona per il notificante nel giorno dell’accettazione, anche se successiva alle ore 21:00.

Notifica del precetto alla P.A.: non conta la sospensione feriale.

Il termine di 120 giorni dalla notifica del titolo esecutivo va calcolato senza computare la sospensione feriale operante dal 1° al 31 agosto.

Continua a leggere Notifica del precetto alla P.A.: non conta la sospensione feriale.

Sanzione disciplinare conservativa: è rilevante anche l’elemento soggettivo.

Lo ha confermato il Tribunale di Roma accogliendo il ricorso presentato da un dipendente della P.A. tramite il nostro studio: al di là del comportamento del lavoratore, va valutata la coscienza e la volontà dello Stesso di trasgredire agli obblighi impartiti dal datore, anche in termini di prevedibilità della violazione.

Continua a leggere Sanzione disciplinare conservativa: è rilevante anche l’elemento soggettivo.

Legittima difesa, cosa cambia con la riforma del 2019

Il parlamento approva la riforma caldeggiata dalla Lega sulla legittima difesa con 201 sì, 38 no e 6 astenuti. Ma cosa cambia, in concreto, rispetto al passato?

Continua a leggere Legittima difesa, cosa cambia con la riforma del 2019

Pagamento del debito al creditore apparente, incide il comportamento del creditore?

L’art. 1189 c.c. prevede che «il debitore che esegue il pagamento a chi appare legittimato a riceverlo in base a circostanze univoche è liberato se prova di essere stato in buona fede»: dalla lettera di norma non è chiaro comprendere se anche il comportamento del creditore può influire sulla univocità delle circostanze. Sul punto, ha preso posizione il Tribunale di Potenza con una pronuncia del gennaio 2019.

Continua a leggere Pagamento del debito al creditore apparente, incide il comportamento del creditore?

Tribunale di Roma, è fondato su responsabilità datoriale il ricorso davanti al giudice del lavoro per infortunio sul lavoro contro un’impresa soggetta a procedura concorsuale.

La sezione Lavoro del Tribunale Civile di Roma ha ritenuto che la domanda rivolta al giudice del Lavoro (e non a quello del Fallimento) contro l’impresa soggetta a procedura concorsuale inquadra in automatico la domanda ai sensi dell’art. 2087 c.c. (responsabilità del datore di lavoro).

Continua a leggere Tribunale di Roma, è fondato su responsabilità datoriale il ricorso davanti al giudice del lavoro per infortunio sul lavoro contro un’impresa soggetta a procedura concorsuale.

Sanzione amministrativa per occupazione abusiva di alloggi ERP: non dovuta dall’ospite senza titolo.

È quanto ha stabilito la II sezione del Tribunale Civile di Roma su ricorso avanzato dal nostro studio, annullando così la determinazione dirigenziale ingiuntiva che aveva irrogato la sanzione, originariamente fissata in € 65.000,00.

Continua a leggere Sanzione amministrativa per occupazione abusiva di alloggi ERP: non dovuta dall’ospite senza titolo.

Avvocati: la lombosciatalgia acuta non basta per non andare in udienza.

Il legittimo impedimento del legale va prontamente comunicato e lo stato patologico deve mettere a rischio la salute.

Continua a leggere Avvocati: la lombosciatalgia acuta non basta per non andare in udienza.

Cassazione, l’integrale riparazione del danno non è attenuante per i reati di fuga e di omissione di soccorso a seguito di incidente stradale.

Lo ha stabilito la Quarta Sezione penale della Corte di Cassazione: in tema di circolazione stradale, la circostanza attenuante dell’integrale riparazione del danno non è applicabile ai reati di fuga e di omissione di soccorso, trattandosi di reati di pericolo.

Continua a leggere Cassazione, l’integrale riparazione del danno non è attenuante per i reati di fuga e di omissione di soccorso a seguito di incidente stradale.