Milleproroghe, dal 1 Gennaio tracciate le vendite dei giornali. Anzi no.

Era solo il 15 dicembre quando la Commissione Bilancio della Camera dei Deputati, a seguito della consulenza richiesta dagli organi parlamentari, sembrava aver dato il responso definitivo: dal 1 Gennaio sarebbe entrata ufficialmente in vigore la tracciatura dei giornali venduti, grazie all’utilizzo della tecnologia con codice a barre, da parte degli operatori del settore. Il tutto condito dalla impossibilità per l’esercente, salvo i casi di oggettiva impossibilità tecnica, di rifiutare il pagamento del giornale tramite bancomat o carte di credito, allo scopo di favorire la diffusione della c.d. moneta elettronica anche per pagamenti al di sotto dei 5,00 €, prevedendosi quale soglia massima di commissione applicabile all’acquirente quella di 0,007 € a operazione (sì: 7 millesimi).

Continua a leggere Milleproroghe, dal 1 Gennaio tracciate le vendite dei giornali. Anzi no.